Print

Milano attrattiva per i giovani

Written by Beatrice Uguccioni.

Beatrice UguccioniIntervento di Beatrice Uguccioni.

Per rendere ancora più attrattiva la nostra Milano occorrono azioni che diano un’accelerata allo student housing per incentivare i giovani e le giovani a venire a studiare a Milano, trovando soluzioni abitative dignitose e a prezzi abbordabili e convenzionati.
In questo senso si sta già lavorando perché nei nuovi progetti edilizi siano previste quote per alloggi dedicati a universitari/universitarie o direttamente studentati.
Inoltre, per aumentare gli spazi di condivisione, e di studio, in collaborazione con associazioni del territorio e associazioni di studenti e studentesse, abbiamo il dovere di potenziare il numero di biblioteche con sale studio aperte in orario serale.
Vuoi scoprire altre proposte per la città? Visita il mio sito.
Print

Le mani delle mafie sui beni all'asta: sì del governo alla proposta Pd-M5S di una banca dati

Written by Franco Mirabelli.

Franco Mirabelli Articolo di Repubblica

È stato e resta un formidabile territorio di caccia, per le mafie. Usurai e prestanome dei clan, con l'accesso alle aste giudiziarie, hanno portato a casa bottini immediati e facili. Un trend cresciuto nell'Italia della pandemia. Dati peggiorati a causa delle devastanti conseguenze economiche subìte da piccoli o grandi imprenditori, che hanno visto andare in malora i loro beni. Ecco perché l'antimafia istituzionale intende intervenire. E punta a portare a casa un'importante modifica normativa per restringere quelle maglie troppo larghe, grazie alle quali le cosche fanno shopping dei più disparati beni, da nord a sud. Il governo ha quindi accolto la proposta M5S-Pd che prevede, nell'ambito della riforma della giustizia civile, l'istituzione di una Banca dati che raccolga vari e nuovi elementi sulle aste giudiziarie.
Print

Bettini, Letta ed il Pd

Written by Alessandro Del Corno.

Alessandro Del CornoIntervento di Alessandro Del Corno.

Goffredi Bettini che non è proprio un passante all’interno del Pd, sostiene che il governo Draghi non è il nostro governo e vorrebbe Draghi subito al Quirinale per toglierlo di mezzo dallo scenario politico.
Letta che è il segretario del partito dice invece che questo è il governo del Pd, peccato però che rispetto ad una svolta che dovrebbe riguardare i temi della modernizzazione del Paese, lo stesso Letta si sia rifugiato in questi mesi, quasi esaustivamente in rassicuranti bandierine ideologiche.
Per quanto mi riguarda, sono lontano da entrambe le posizioni, in quanto continuo a pensare che l’interesse dell’Italia, dovrebbe essere rappresentato da un Pd veramente trasversale e che si caratterizzi per un’Agenda Politica e Programmatica in piena sintonia con il Paese nel suo complesso.