Print

Prima decidiamo il che fare e poi chi deve dirigere

Written by Franco Mirabelli.

Franco Mirabelli "Bene la lettera di Enrico Letta è giusto scegliere un percorso congressuale aperto a tante e tanti e che si concentrerà sui temi e le proposte per rifondare il Pd. Prima decidiamo il che fare e poi chi deve dirigere senza scorciatoie o semplificazioni”. Così su Twitter il senatore del Pd Franco Mirabelli commenta la lettera agli iscritti di Enrico Letta.
Print

Ripartiamo dalle proposte su lavoro, ambiente, diritti, lotta alle diseguaglianze

Written by Franco Mirabelli.

Franco Mirabelli "Per quanto riguarda il PD, condivido quanto ha detto Enrico Letta: abbiamo bisogno di un congresso in cui discutere del risultato elettorale e rifondiamo il PD. Questa è una necessità. Temo che il preannuncio della non ricandidatura di Letta possa riprodurre un rischio che abbiamo già visto in passato, cioè che invece di affrontare i nodi politici e il rapporto tra il PD e la società italiana, si inneschi una corsa alla Segreteria che, come è stato in passato, non risolve i problemi che abbiamo e che vanno risolti con un lavoro serio, dentro ad un percorso congressuale che deve coinvolgere non solo il PD e i suoi iscritti ma anche una parte della società italiana". Lo ha detto Franco Mirabelli in tv a 7Gold.
Print

Siamo al fianco di chi insorge contro l'oppressione

Written by Silvia Roggiani.

Silvia Roggiani"Siamo al fianco di chi insorge contro l'oppressione, al fianco delle coraggiose donne iraniane che stanno perdendo la vita inseguendo i loro diritti e le loro libertà. Diritti e libertà che in tante altre parti del mondo diamo per scontati". Lo scrive su Facebook la segretaria del Partito Democratico di Milano città metropolitana Silvia Roggiani.
"Non possiamo e non vogliamo essere indifferenti: all'estrema preoccupazione per chi oggi si trova in prigione, dopo essere stato arrestato durante le manifestazioni, uniamo la nostra ferma e intransigente condanna nei confronti del regime iraniano - aggiunge - Facciamo luce su quanto sta succedendo in Iran, ricordiamo e parliamo di Mahsa Amini e delle donne uccise in questi giorni e prepariamo una risposta europea all'altezza della situazione".
Print

Chi contesta sulle informazioni per Area B poteva fare la sua parte

Written by Giuseppe Sala.

Giuseppe SalaMettiamo i numeri chiari sul tavolo: alle sparate leghiste su un milione di macchine che non potranno entrare nell'area B rispondo che oggi che non possono entrare e che sono interessate da questo divieto sono poco piu' di 40 mila. Poi c'e' il Move-In e la Regione cosa ha fatto? Niente". Lo ha detto il sindaco di Milano Giuseppe Sala a margine di un convegno sulla qualita' dell'aria che si e' tenuto questa mattina all'acquario civico nell'ambito del Forum ambiente. A chi gli ha domandando delle polemiche di una scarsa comunicazione in merito ad Area B, Sala ha sottolineato che "le regole erano state chiarite da tanto tempo. Dopodiche' - ha aggiunto - puo' essere responsabilita' nostra, ma chi oggi contesta, da Aci a Regione Lombardia, poteva fare la sua parte. Detto cio', io credo che si debba andare avanti senza alcun indugio perche' e' in linea con la nostra visione e la nostra azione politica. Come ho detto gia' piu' volte, escludo ripensamenti", ha concluso Sala.