Print

Lo stralcio delle cartelle esattoriali non è la risposta alle difficoltà

Written by Giuseppe Sala.

Giuseppe Sala Sullo stralcio automatico delle cartelle esattoriali, eventualità delegata dal Governo alle amministrazioni locali, la voce del sindaco di Milano Giuseppe Sala si fa sentire una quindicina di giorni dopo che la giunta ha detto no. Lo fa, peraltro, all'indomani della sua denuncia di disinteresse del Governo Meloni nei confronti di Milano, per quella richiesta mai ascoltata di sostenere Palazzo Marino con 50 milioni extra grazie ai quali chiudere il bilancio preventivo 2023, a fronte dei 19 miliardi di imposte versate allo Stato. "E' ben vero che i comuni sono in difficoltà con il bilancio - spiega Sala nel podcast mattutino Buongiorno Milano - non è però questa la motivazione che spinge Milano a non aderire allo stralcio automatico delle cartelle esattoriali".
Print

Da Milano arrivano 19 miliardi di tasse

Written by Giuseppe Sala.

Giuseppe SalaIl sindaco di Milano Beppe Sala attacca il Governo sul tema fiscale, rimarcando che a Milano i ministri "vengono solo per fare passerelle".
La dichiarazione è arrivata nel corso di una conferenza stampa promossa dal Pd lombardo sui tagli al bilancio comunale, parlando delle difficoltà dell'amministrazione e dell'aiuto che potrebbe arrivare dal governo in termini finanziari. Il sindaco del capoluogo lombardo, infatti, parlando di finanze e fondi necessari ai comuni, ha attaccatto il Governo guidato da Giorgia Meloni.
Print

A Milano, per ora, Schlein batte Bonaccini

Written by Elly Schlein.

Elly Schlein Nella città metropolitana di Milano, Schlein trionfa alle pre-primarie del Partito Democratico. Dopo le 28 convenzioni nei circoli milanesi del PD, Schlein ha ottenuto voti 233 pari al 43,7%; Stefano Bonaccini voti 194 pari al 36,5%; Gianni Cuperlo voti 63 pari al 11,8% e Paola De Micheli voti 43 pari al 8,1%. Insomma il Pd metropolitano, scegliendo l'ex vice-presidente dell'Emilia Romagna, vira verso sinistra considerando le posizioni radicali di Schlein.
Nella sede di viale Monte Rosa a Varese, dalle urne è uscito il responso: la Schlein è arrivata prima con 67 voti, mentre il governatore della Regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, si è fermato a 61 voti.
Print

In Europa c'è rumore di guerra

Written by Liliana Segre.

Liliana Segre "Mentre c'è rumore di guerra in Europa la parola libertà non va mai dimenticata, perché fa parte di noi". Lo ha detto la senatrice a vita Liliana Segre, nel corso dell'inaugurazione alla Stazione Centrale di Milano, del totem informativo che segnala la presenza del Memoriale della Shoah.
L'inaugurazione avviene il 6 febbraio, il giorno in cui la senatrice a vita arrivò ad Auschwitz, dopo che era partita proprio dal binario 21 di Milano, il 30 gennaio del 1944. "Dobbiamo ricordare che c'è anche chi ci ha portato alla libertà. Gli americani non vanno mai dimenticati perché sono loro, quei ragazzi in technicolor, che buttavano a tutti, anche ai tedeschi, che gli andavano incontro perché erano poverissimi, il cibo, le sigarette - ha aggiunto -. Una giornata di grande dolore. come per me ogni anno è questa giornata, dobbiamo tutti ricordare che ai grandi dolori di solito c'è una fine".