Print

Il riconoscimento del genocidio degli Armeni

Written by Emilia De Biasi.

Emilia De BiasiIl riconoscimento del genocidio armeno da parte di Papa Bergoglio ha scosso il mondo dall'indifferenza e aperto una nuova strada della pace e della riconciliazione fra i popoli. Cio' che e' stato resta e non si può riscrivere: le parole hanno un peso grande, perché ridisegnano i contorni della memoria e impediscono che essa svanisca nella pura ricostruzione di avvenimenti. Oggi il destino dell'umanità è un destino comune: la pace e il dialogo devono prevalere sul passato. Per questo è importante che anche la Turchia non interrompa il filo di speranza che ci lega, perché la Turchia di oggi, così vicina all'Europa, non è responsabile del suo passato, ma è responsabile con tutti noi del futuro di convivenza e di pace. La lezione che ci viene dal secolo dei genocidi è definitiva. Vogliamo che ciò che è accaduto non accada mai più.
Print

Attenti al gioco d'azzardo

Written by Franco Mirabelli.

Franco MirabelliIntervista pubblicata da Il Sicomoro di aprile 2015
Vivace e appassionato il dibattito sul gioco d’azzardo svoltosi a Milano con l’interlocuzione del sottosegretario al Ministero dell’Economia e delle Finanze Pier Paolo Barretta. Ne parliamo con il coordinatore dell’appuntamento Franco Mirabelli, capogruppo PD in Commissione Parlamentare Antimafia.
Perché tanta diffusione del gioco d’azzardo negli ultimi anni? Cosa è esploso?
La crisi ne è una componente importante, perché chi è fragile e debole pensa che ci si possa salvare con il gioco, basta vedere quanti acquisti mentre si ritirano le pensioni alla Posta.
Print

Un progetto per la formazione aziendale

Written by Rosa Aimoni.

Rosa Aimoni
Articolo pubblicato da Report Online.
Per incrementare gli investimenti e l'occupazione sarebbe a mio avviso necessario procedere ad una riforma complessiva della formazione aziendale.
Le riforme che il Governo ha messo in atto possono certamente stimolare gli investimenti, tuttavia sarebbe necessaria anche l'implementazione di un ulteriore progetto.
Bisogna fare una dovuta premessa. L'economia attuale è globalizzata, i mercati non solo più stabili ma in continuo fermento, in continuo mutamento. Questo richiede la formazione continua del personale. Bisogna quindi svicolarsi dalla vecchia logica, secondo la quale basta aver maturato un po' d'esperienza per conoscere il lavoro che si sta svolgendo, perché oggi nessun lavoratore (dal professionista all'operaio) può dirsi completo senza una formazione continua.
Print

La riforma del Terzo Settore

Written by Ezio Casati.

Ezio CasatiLa Camera dei Deputati ha approvato (297 sì, 121 no, 50 astenuti) il ddl delega per la Riforma del Terzo Settore. Si tratta di un disegno legge che intende sostenere e migliorare la libera iniziativa dei cittadini che perseguono attività sociali finalizzate al bene comune. La partecipazione attiva delle persone e la valorizzazione dell'economia sociale di questo Paese sono un patrimonio fondamentale che questo Parlamento e questo Governo devono tutelare e incentivare. Il ddl, di cui vi illustro i punti principali, è il frutto di un lungo e serio dibattito svolto nella Commissione Affari Sociali nella quale lavoro. Il testo - ora passato al vaglio del Senato - arricchisce la proposta iniziale formulata dal Governo.