Print

La solidarietà concreta non aspetta la fine della pandemia

Written by Mario Delpini.

Mario Delpini"La rinascita dell'umanità è la vocazione a diventare fraternità, Fratelli tutti, secondo la parola di Papa Francesco. Un modo di vivere, di pensare, di usare delle risorse che non aspetta che sia finita l'epidemia per condividere la speranza, la stima vicendevole, la solidarietà concreta che soccorre chi è nel bisogno". Lo ha ammonito l'arcivescovo di Milano, Mario Delpini, in occasione della messa di Natale.
Mentre molte situazioni sembrano dirci che "quest'anno non sarà Natale", ha riflettuto Delpini, "mentre si è deciso che tutto sia sospeso, rimandato, e si è fatto di tutto per ingombrare la mente e le parole di ogni minuzia e di ogni apprensione, gli angeli si presentano in ogni parte della terra per lodare Dio e annunciare: poiché in quella notte è nato Gesù, oggi puoi rinascere tu".
Print

Abbiamo rimesso al centro la dignità delle persone

Written by David Sassoli.

David Sassoli “Il 2020 è un anno che difficilmente scorderemo. Un anno che ci ha messo a dura prova, ci ha segnato nel profondo. Ma è anche un anno di svolta che ci ha fatto comprendere l’importanza dell’essere uniti, utili, solidali. Un anno in cui il mondo si è fermato e a noi tocca riflettere naturalmente sulle nostre priorità, su dove vogliamo andare, su cosa vogliamo essere”. David Sassoli, presidente del Parlamento europeo, invia gli auguri per Natale a nome dell’Assemblea Ue, a partire da una riflessione sull’anno trascorso, segnato dalla pandemia, dalla crisi che ne è derivata, dalla risposta emersa dai popoli europei e dai Paesi membri. “Nelle città vuote, nei bar senza clienti, abbiamo applaudito tutti coloro che si sono presi cura di noi, dei nostri cari, dei nostri amici. Abbiamo cantato sui balconi per sentire meno il silenzio nelle strade. Abbiamo imparato a sorridere dietro la mascherina a chi ha permesso alle nostre società di continuare a funzionare. Abbiamo capito che era giunto il momento di rimettere al centro la dignità delle persone, i valori della solidarietà”.
Print

Ora è tempo di curare il bisogno

Written by Giuseppe Sala.

Giuseppe Sala"Purtroppo dobbiamo abituarci anche al fatto che i tempi saranno lunghi. Sto cercando di capire quando saranno somministrati i vaccini ma non sarà una cosa immediata, ci sarà ancora di molto da fare". Lo ha detto il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, oggi tra i volontari di Pane Quotidiano a Milano.
"Lo sto dicendo in questi giorni - ha aggiunto - dobbiamo avere la capacità di coniugare il giorno per giorno, dove nel giorno per giorno soprattutto ci deve stare a cuore il bisogno, con una idea di rilancio della città che andrà nel tempo. Però questo è il momento della cura del bisogno".
"E' un Natale particolare per tutti: è ovvio che dobbiamo abituarci a un bisogno che almeno in una fase iniziale anche post pandemia sarà ancora più evidente - è la riflessione del sindaco -. Le file fuori sono lunghe ma la cosa che consola è che le file dentro di persone che si danno da fare sono altrettanto lunghe. Dobbiamo essere fieri di appartenere ad una città che affronta il bisogno con tanta solidarietà perché tanti di noi ancora si danno da fare.
Print

A Natale no al consumismo

Written by Papa Francesco.

PapaAveva condannato il consumismo già domenica scorsa, durante l’Angelus, dicendo che “ci ha sequestrato il Natale”. Oggi Papa Francesco, nella sua catechesi, durante l’udienza generale, nella biblioteca del palazzo apostolico vaticano, è tornato a ribadire l’invito a tenere questa tendenza lontana dal Natale. Consapevole che sia diventato “una festa universale”, il Pontefice ha ribadito che “il cristiano sa che il Natale è un avvenimento decisivo, un fuoco perenne che Dio ha acceso nel mondo, e non può essere confuso con le cose effimere”. “È importante che esso non si riduca a festa solamente sentimentale o consumistica, ricca di regali e di auguri ma povera di fede cristiana e anche di umanità – ha aggiunto il Pontefice -. Pertanto, è necessario arginare una certa mentalità mondana, incapace di cogliere il nucleo incandescente della nostra fede”.