Print

Il lavoro in Europa è appena cominciato

Written by Patrizia Toia.

Patrizia ToiaIn questi mesi e nei prossimi anni la politica italiana si intreccerà sempre di più con quella europea e il PD ne sarà un perno fondamentale in Italia e a Bruxelles. Il PD, all'interno del gruppo parlamentare europeo dei Socialisti e Democratici (S&D) è la più grande delegazione: 31 deputati. Siamo davanti alla Germania, all'Inghilterra, alla Spagna, alla Francia e a tutti gli altri Paesi!
Abbiamo quindi un grande peso politico e il mio obiettivo, da capodelegazione, è quello di rafforzare tutte le nostre potenzialità (valorizzando le tante competenze e le eccellenze della nostra delegazione), diventando una squadra coesa e compatta che sia determinante nelle scelte politiche del gruppo e del Parlamento e che sia capace anche di innovare il partito europeo PSE, allargandone il campo a nuove culture e istanze.
Spenderemo la forza della delegazione del PD per un cambiamento delle politiche europee a partire da questo semestre in cui è Matteo Renzi a guidare il Consiglio Europeo.

Print

Sosteniamo Libera contro le mafie

Written by Ezio Casati.

Ezio CasatiDelle tante notizie di questo ultimo scorcio d'estate quella delle minacce di morte rivolte a don Luigi Ciotti mi ha veramente colpito. Il fatto che sia stato il carcerato Totò Riina a farle, con tutta l'esplicita violenza del linguaggio, mi fa riflettere sul fatto che un detenuto simile dovrebbe scontare la sua pena in totale isolamento. Mi hanno colpito la giusta reazione del mondo della politica (in primis il presidente del Senato Piero Grasso), ma soprattutto la reazione di don Ciotti al quale rivolgo la mia solidarietà e stima personale. Il sacerdote piemontese, presidente e instancabile animatore dell'associazione antimafie "Libera", si batte da oltre vent'anni affinché la cultura mafiosa non attecchisca nel tessuto sociale. Ciotti non si arrende di fronte alle piccole e grandi illegalità che spesso si infiltrano e deturpano gravemente il nostro Paese. Grazie a lui i beni confiscati alle mafie stanno diventando in tante parti d'Italia, con fatica e non senza problemi, delle cooperative e delle onlus per dare lavoro e speranza ai giovani.

Print

La nostra storia

Written by Lorenzo Gaiani.

Lorenzo GaianiGli anniversari di quei personaggi che in un modo o nell’altro hanno segnato la storia diventano inevitabilmente l’occasione per riflettere su quanto del loro lascito sia vivo oppure irrimediabilmente defunto, e servono nello stesso tempo a fare un bilancio della loro esperienza umana, culturale e politica.
Certamente alcuni anniversari ci toccano più degli altri, e se abbiamo potuto passare quasi sotto silenzio il bimillenario della scomparsa di Ottaviano Augusto, cioè di una figura che a suo tempo ebbe una valenza universale e fu il signore di un impero sconfinato, altri anniversari più vicini nel tempo ci toccano più direttamente.
Non deve meravigliare perciò il dibattito che si è aperto intorno alle vite parallele ed opposte di Alcide De Gasperi e Palmiro Togliatti nel cadere ravvicinato dell’anniversario delle loro morti (19 agosto 1954 – 21 agosto 1964) , e ancor meno che esso abbia avuto un riflesso di carattere politico perché la vita di questi due uomini coincise pressoché interamente con la loro azione politica.

 

Print

30 milioni del bilancio regionale per un referendum

Written by Sara Valmaggi.

Sara Valmaggi Questa settimana Il bilancio che esce dall’Aula consiliare questa settimana è ben al di sotto delle necessità della nostra regione, minato al suo nascere dalla decisione del centrodestra di spendere 30 milioni di euro dei cittadini lombardi per un referendum inutile, che non avrà nessun effetto pratico e che serve solo alla Lega per piantare una bandierina ideologica di finto autonomismo. Le regioni speciali non servono a nessuno, serve piuttosto, come sta facendo il governo, lavorare nel solco del taglio dell’Irap del 10% e della detassazione del 15% sui nuovi investimenti.
Invece no, tutto blindato per quei 30 milioni di euro gettati al vento per l’orgoglio lombardo. Sarebbero stati necessari invece ben altri interventi utili al rilancio dell’economia e per dare quel lavoro che troppo spesso manca.
Al Pd sono stati bocciati la gran parte degli emendamenti che facevano forza su quei soldi che la maggioranza ha deciso di sperperare. Solo alcuni temi sono riusciti a passare tra le strette maglie della maggioranza. Tra questi l’appostamento di risorse aggiuntive utili a dare continuità alla sperimentazione “Ambulatori aperti”, e le risorse per i servizi sociali dei Comuni, per anziani, minori e disabili, che erano state tagliate nel Fondo Sociale Regionale 2014.