Print

A proposito degli arresti dei terroristi rossi in Francia

Written by Alessandro Del Corno.

Alessandro Del CornoIntervento di Alessandro Del Corno.

A proposito degli arresti dei brigatisti e dei terroristi rossi in Francia. Erano giovani e imbevuti da un’ideologia criminale, cieca e distruttiva ed intimidirono, saccheggiarono ed attentarono con la violenza fisica alle libere istituzioni democratiche; erano giovani ed imbevuti da un’ideologia criminale, cieca e distruttiva e sequestrarono ed esercitarono gli espropri proletari con finalità eversive.
Erano giovani ed imbevuti da un’ideologia criminale, cieca e distruttiva ed uccisero molte menti lucide della Repubblica in tanti campi strutturati della Società e molti uomini in divisa, figli dei contadini meridionali, gettando nella disperazione tante famiglie.
Erano giovani ed imbevuti da un’ideologia criminale, cieca e distruttiva e poterono contare dapprima all’insegna del motto di non pochi intellettuali e politici compiacenti: “i compagni che sbagliano” per poi arrivare a vere e proprie protezioni istituzionali che li consentirono di trovare asilo politico oltre Alpe, nonostante avessero subito più condanne anche all’ergastolo per le loro “imprese”; erano giovani ed imbevuti da un’ideologia criminale, cieca e distruttiva e non dimostrarono mai alcun pentimento e mai alcuna rielaborazione rispetto al loro passato.
All’improvviso in un giorno di aprile dopo tanto tempo dagli anni di piombo, al momento dell’arresto, si sono palesati e descritti in alcuni casi come anziani e malati.
Detto ciò, sarebbe auspicabile non da parte loro, anche se c’è sempre tempo per farlo che non pochi analisti e intellettuali che ancora oggi perorano la loro causa, si scusassero profondamente con i famigliari delle tante, delle troppe vittime innocenti per il persistere di posizioni che sono inconciliabili con la dignità umana e con i valori della Repubblica democratica italiana.
Non si tratta di affermare la vendetta, ma la giustizia, nella consapevolezza che la stessa purtroppo ha perso irreversibilmente l’occasione storica di attuarsi concretamente.
Lasciate o voi intellettuali sempre sensibili alle cause dei terroristi e quindi non a quelle delle vittime, ma a quelle dei carnefici che la stessa giustizia, abbia almeno un forte valore simbolico che nessuna agoniata prescrizione potrà mai cancellare.
Erano giovani e adesso sono vecchi e malati.