Print

Tutti dovrebbero dare una mano sull'Ilva invece di fare propaganda

Written by Franco Mirabelli.

Franco Mirabelli "La presenza del premier Conte oggi a Taranto è la dimostrazione plastica dell'assoluta unità del governo sull'obiettivo di salvare l'ex Ilva e tutelare i livelli occupazionali e il risanamento ambientale. E' ormai chiaro che la vicenda dello scudo penale, cancellato dal governo gialloverde e poi non reintrodotto, è solo un alibi: Arcelor Mittal ha sbagliato il piano industriale, si è impegnata in un progetto che non è stata in grado di gestire né dal punto di vista della produzione, né da quello del risanamento ambientale. E' davvero strano sentire i sovranisti di 'prima gli italiani' asserire che è giusto che una multinazionale chiuda un'azienda dopo aver avuto garanzie e soldi dallo Stato". Lo ha detto a Skytg24 pomeriggio il senatore Franco Mirabelli, vicepresidente del gruppo del Pd al Senato.
Print

I muri si possono superare

Written by Sinan Al Qudah.

Sinan Al Qudah«I muri si possono superare nel momento in cui vi è il desiderio di una conoscenza, nell’ottica che si può sempre imparare dall’altro. Stiamo, invece, attraversando un clima di odio che influenza soprattutto alcuni ragazzi», ha detto il giovane imprenditore Sinan Al Qudah, all'incontro tra l’Arcivescovo di Milano e gli esponenti del mondo musulmano presenti nel territorio ambrosiano. «Non credo che tutti coloro che rimangono vittime di questo atteggiamento siano definibili come “cattivi” o razzisti. Dobbiamo fare resistenza perché pensare che l’Italia sia solo questo è sbagliato. C’è un Paese che si alza ogni mattina, va a lavorare e sta dalla parte del più debole. La possibilità di convivere sotto lo stesso cielo è tutta qui».
Print

Restituire il patrimonio sequestrato alle mafie alla collettività diventa strategico

Written by Barbara Agogliati.

Barbara AgogliatiIeri, presso ”La Masseria” di Cisliano, bene confiscato alla mafia e restituito alla legalità, durante il primo degli incontri sul territorio promossi dal Prefetto Saccone per supportare gli Enti locali nell’importante missione di ridare ai beni confiscati alle mafie una nuova destinazione sociale e di promozione della cultura della legalità, lo stesso Prefetto ha annunciato che la sede dell’Agenzia Nazionale dei Beni sequestrati e confiscati alle mafie si trasferirà a breve a Palazzo Isimbardi, negli spazi di Città Metropolitana.
La Città metropolitana, presente all’incontro con la Consigliera delegata Barbara Agogliati, conferma così il suo impegno e assume un ruolo di rilievo, poiché, come dice la consigliera Agogliati: “Restituire il patrimonio sequestrato alle mafie alla collettività diventa strategico per dimostrare a tutti che la criminalità non paga, che lo Stato è più forte, che la scia di malaffare, corruzione e violenza non porta a risultati duraturi e i beni che si accumulano vengono poi persi per sempre.
Print

Preoccupazione per quanto avviene alla CNH di Pregnana

Written by Carlo Borghetti.

Carlo Borghetti “Esprimo tutta la mia preoccupazione e lo stupore per quanto sta accadendo alla CNH di Pregnana Milanese – dichiara il vice Presidente del Consiglio Regionale, Carlo Borghetti – Mentre sindacati e dipendenti sono impegnati per evitare la chiusura del sito e il trasferimento della produzione a Torino, l’azienda assume 10 nuovi lavoratori in somministrazione a causa dell’aumento dei volumi produttivi per nuovi ordini.
Questo fatto certifica come il sito di Pregnana non sia uno stabilimento in crisi, anzi, e quindi appare sempre più incomprensibile il piano presentato dall’azienda. Ribadisco quindi la mia richiesta al presidente della Regione Fontana e al ministro Patuanelli: le istituzioni devono intervenire rapidamente con tutti gli strumenti a loro disposizione per evitare che la situazione sfugga di mano e che un importante stabilimento produttivo non venga abbandonato con il rischio di esuberi e di pesanti danni all’indotto e al tessuto socio-economico del nostro territorio.”