Print

Sempre meno gas dalla Libia all'Italia

Written by Matteo Cazzulani.

Matteo Cazzulani Assalto di ribelli alla centrale ENI di Nalout provoca l'interruzione del flusso di oro blu nel Greenstream. Il Nord Africa si rivela fonte di energia sempre meno affidabile.
Non solo la crisi di Governo, negli ultimi giorni l'Italia è stata nuovamente sull'orlo dell'emergenza energetica. Nella giornata di lunedì, 30 Settembre, il gasdotto Greenstream, che veicola in Italia 8,5 Miliardi di Metri Cubi di gas all'anno, è stato interrotto.
Come riportato da Natural Gas Europe, a provocare lo stop del flusso di gas attraverso l'infrastruttura che collega Melillah a Gela è stato l'assalto alla stazione del colosso energetico italiano ENI di Nalout da parte di manifestanti berberi che richiedono l'inserimento della loro lingua nella Costituzione della Libia.
Print

Ha detto sì!

Written by Emilia De Biasi.

Emilia De Biasi Articolo pubblicato su RollingStone.
Hanno dormito poco, e si vede. I banchi del Governo si riempiono rapidamente di ministri e sottosegretari. Non ci stanno tutti e alcuni si siedono nei cosiddetti banchi delle Commissioni, utilizzati di solito dai senatori che dirigono l’esame delle leggi o delle mozioni.
Gli occhi di tutti cercano i ministri disubbidienti. Ci sono quasi tutti. Arriva Letta, pallidino, e poi Franceschini, davvero disfatto, ma in generale tutto il Governo ostenta una relativa serenità. In bagno incontro la Ministra della Giustizia Cancellieri, tutta in azzurro cielo di Roma e sorridente. Allora forse ce la facciamo, penso. Le voci si accavallano: forse i numeri non ci sono, qualcuno azzarda frasi tipo “la notte porta i quattrini”, e via così.
Print

Dopo la fiducia un governo più forte

Written by Franco Mirabelli.

Franco Mirabelli A guardare il risultato del voto sulla fiducia al governo Letta in Parlamento - a parte le assenze in dissenso di alcuni parlamentari PDL verso il loro gruppo - sembra che nella maggioranza di governo non sia successo niente in queste settimane.
In realtà molto è cambiato e oggi il governo ha una prospettiva nuova: è più nelle condizioni di garantire una stabilità necessaria per realizzare il programma, per affrontare i grandi problemi economici, fare alcune riforme (a partire da quella della legge elettorale) e, soprattutto, farsi concretamente carico dei problemi del lavoro e di una povertà ormai diffusa, senza essere sottoposto ai continui condizionamenti che, in questi mesi, hanno spesso impedito di lavorare serenamente guardando all'interesse del Paese.
Print

Area Democratica, il congresso, le scelte

Written by AreaDem.

AreaDemArea Democratica si è costituita dopo lo scorso congresso con l'ambizione di contribuire al dibattito del partito democratico a partire dalle idee e dalle proposte in cui in tanti ci eravamo riconosciuti insieme a Dario Franceschini e Piero Fassino. In questi anni abbiamo mantenuto l'impegno a riconoscere il risultato congressuale e ad aiutare lealmente il gruppo dirigente eletto al congresso cercando di essere di stimolo sulle idee che sono state alla base della nascita del PD: la costruzione di un grande partito riformista capace, a partire dalle culture del ‘900, di proiettare nel futuro quelle storie superando divisioni e contrapposizioni fondate sul passato che non hanno più ragione di essere; la riforma della politica e dei partiti che nell'era della globalizzazione vivono una crisi di credibilità,