Print

L'Antimafia raccontata a Castano Primo

Written by Franco Mirabelli, Carlo Borghetti.

Castano Primo AntimafiaSegnaliamo il video dell'incontro organizzato dalla Carovana Antimafia del Nord Ovest Milano a Castano Primo che ha visto la partecipazione del sen. Franco Mirabelli (Capogruppo PD in Commissione Antimafia), Carlo Borghetti (Commissione Antimafia Regione Lombardia), Alberto Nobili (procuratore aggiunto presso la procura di Milano), Giampiero Sebri (Carovana Antimafia) e Luciano Scalettari (giornalista di Famiglia Cristiana): video dell'intero incontro»
Sintesi della serata a cura di Famiglia Cristiana»

 Riportiamo la trascrizione degli interventi di Franco Mirabelli e Carlo Borghetti.

Print

Vittorio Korach

Written by Roberto Camagni.

Vittorio KorachIl ricordo scritto da Roberto Camagni.
Milano non ha ricordato in modo adeguato la figura di Vittorio Korach, uomo delle istituzioni, amministratore preparato nonché professionista di valore e cittadino normale.
Non commenterò il suo percorso politico e amministrativa ritenendo più utile far emergere il rapporto che ebbe con la città di Milano.
Non era un politico nel vero senso della parola.
Apparteneva a quella categoria di amministratori concreti e non ideologici. Nel suo operare ha fatto sempre prevalere il merito rispetto alle tattiche politiche, era talmente convinto della prevalenza dei contenuti che più volte ha obbligato il consiglio comunale, tra l’insofferenza di qualche consigliere PCI, ad ascoltare con grande attenzione le sue lunghe e dettagliate relazioni che non cadevano mai nella retorica o nel tecnicismo.

Print

A Milano serve l’Agenzia per la casa

Written by Franco Mirabelli.

Franco MirabelliArticolo pubblicato da Europa.
I fatti di questi giorni, le tensioni sociali e le violenze a cui abbiamo assistito confermano che l'emergenza abitativa richiede risposte in tempi rapidi.
Bisogna sbloccare al più presto i fondi (500 milioni) stanziati dal recente decreto sull’emergenza abitativa proprio per finanziare le piccole manutenzioni che devono rendere abitabili le migliaia di alloggi pubblici vuoti. Bisogna consentire a chi è in graduatoria - se è disponibile - di entrare nell'appartamento assegnato, chiedendogli di farsi carico in proprio degli interventi necessari ma di farlo sapendo che i costi sostenuti, comunque, saranno poi scomputati dagli affitti futuri. Serve, inoltre, realizzare al più presto l'agenzia per la casa - che utilizzi i fondi stanziati - per far incontrare la domanda abitativa di chi è stato sfrattato o non ha redditi né casa, con un’offerta che deve essere costruita guardando anche fuori dalle case popolari, per esempio garantendo i proprietari privati rispetto al pagamento dei canoni o realizzando convenzioni con il no profit e la cooperazione.