Print

Microcredito, misure per l'inclusione sociale

Written by Ezio Casati.

Ezio CasatiIl microcredito, nato per favorire la crescita imprenditoriale dei paesi in via di sviluppo, approda timidamente anche in Italia. Si tratta di un'attività, poco conosciuta, parallela a quella creditizia bancaria ma alternativa per gli strumenti e le finalità. Si tratta in pratica di un microcredito che, rivolgendosi a persone e famiglie in difficoltà economiche, abbia finalità di inclusione sociale e favorisca percorsi di auto-imprenditorialità. Per fare radicare nel nostro paese questo credito allo sviluppo occorre un supporto legislativo che le consenta di decollare.
Per questo motivo ho aderito ad una proposta di legge che intende favorire il microcredito sociale e imprenditoriale.
Print

Piano casa: cosa si può e si deve fare

Written by Franco Mirabelli.

Franco Mirabelli
Intervista di Simonetta Alfaro per Finco – Il Nuovo Cantiere (File PDF)
Il 14 aprile 2014 è iniziata presso le Commissioni riunite Ambiente e Lavori Pubblici del Senato la discussione del decreto legge n.47/2014 (Casa-Expo) , pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.73 del 28 marzo 2014, che prevede, per dirla in poche battute, interventi per 1 miliardo e 741 milioni di euro per il sostegno all’affitto a canone concordato, l’ampliamento dell’offerta di alloggi popolari e lo sviluppo dell’edilizia residenziale sociale. Temi quindi di estrema importanza per il nostro Paese in cui è coinvolta, o un per un verso o per un altro, la totalità dei cittadini. Ne parliamo con il senatore Franco Mirabelli, relatore per la Commissione Ambiente, che fin da subito sottolinea quanto sia importante e urgente preordinare nell’immediato validi strumenti per rilanciare politiche pubbliche sulla casa, in assenza delle quali si rischia di non rispondere ai bisogni di tanti cittadini e lavoratori.
Print

Il DDL sul Terzo Settore

Written by Stefano Pasta.

Stefano Pasta
Articolo pubblicato da Famiglia Cristiana
Il terzo settore davanti alla disegno di legge delega della riforma: c'è apprezzamento per il riconoscimento dell'importanza, ma ci sono preoccupazioni in materia di copertura economica e si sospende il giudizio in attesa dei decreti attuativi.
In attesa del testo definitivo tra martedì e mercoledì prossimi, è positivo il giudizio del terzo settore sul disegno di Legge delega. Accanto all’apprezzamento per il riconoscimento della sua importanza - «Lo chiamano terzo settore, ma in realtà è il primo» ha detto Renzi - e per i singoli provvedimenti, ci sono anche alcune preoccupazioni legate alla copertura finanziaria (i numeri possono essere solo dedotti per via indiretta, 300-370 milioni per la prima fase) e delle sospensioni di giudizio in attesa dei decreti attuativi, previsti al massimo tra 12 mesi.
Print

Da Provincia a Città metropolitana

Written by Lorenzo Gaiani.

Lorenzo GaianiArticolo pubblicato sul Giornale dei Lavoratori.
Chi dice che l'istituzione della Provincia è ancora più vecchia dell'Unità d'Italia afferma il vero: non solo perché di province si parlava anche negli Stati pre-unitari, ma soprattutto perché la creazione della Provincia come Ente elettivo avviene prima ancora che il Regno d'Italia sia proclamato nel marzo del 1861. Infatti, già nell'autunno del 1859, il Governo di quello che era ancora il Regno di Sardegna, guidato da Alfonso La Marmora ma con la decisiva regia politica del Ministro degli Interni Urbano Rattazzi si poneva il problema di una riorganizzazione ordinamentale dei nuovi territori acquisiti alla Corona sabauda, ossia la Lombardia, la Toscana, gli ex Ducati centrali e la parte emiliana e romagnola degli Stati della Chiesa.