Print

Il canto più bello non passa tra fili e sbarre

Written by Roberto Pecoraro.

Roberto PecoraroI fatti di Parigi dei giorni scorsi hanno, inevitabilmente, generato diverse analisi ed approfondimenti.
E’ molto interessante approfondire l’inquadramento dei fatti nella geopolitica mondiale. A tal proposito segnalo quest'analisi della rivista “Limes”: "Parigi: il branco di lupi, lo Stato Islamico e quello che possiamo fare".
Mettendo, però, per un attimo da parte gli aspetti geopolitici vorrei, in questa sede, provare a trattare un altro punto di vista, che riguarda l’esecuzione materiale di questi piani di morte.
Print

Parigi: sentimenti a caldo

Written by Emilia De Biasi.

Emilia De BiasiÉ stato detto di tutto, anche che non è tutto. Dobbiamo prepararci a nuovi attacchi, dice il Ministro francese, e non solo in Francia. L'Europa è sotto assedio? É guerra? O Parigi è il detonatore di una futura inevitabile guerra a cui non siamo preparati, forse non sappiamo come si fa, e ci sembra di parlare di qualcosa di estraneo che si è infiltrato nella nostra vita, a cui soccombere impotenti, perché non sappiamo nemmeno cosa sia la potenza di fuoco, di terra, di bombe?
Print

Parigi, cosa fare assieme

Written by Ezio Casati.

Ezio CasatiDrammatici atti terroristici di Parigi. Mi metto a scrivere a qualche giorno da quel terribile venerdì 13 novembre. Il sentimento predominante è quello di angoscia e di impotenza. La domanda è: cosa facciamo assieme? Sì assieme, perché una cosa è certa: dobbiamo trovare una sintesi per reagire, non per affermare un occidente predominante ma per preservarci da chi vuole un mondo retto dalla follia. I pensieri radicali e contrapposti vedono da un lato chi dice che il nemico è l'Islam e che sono tutti uguali nel volerci intimidire e colpire; dall'altro che la fede islamica non c'entra nulla con chi fa queste stragi.
Print

La lotta al terrorismo e le scelte politiche

Written by Emanuele Fiano, Carlo Borghetti, Franco Mirabelli.

ParigiDopo gli attentati di Parigi e il susseguirsi di minacce e allarmi, sui media e nell'opinione pubblica si è acceso il dibattito su quale sia la strategia più efficace contro il terrorismo dell'Isis e su quali scelte di politica interna ed estera si a più corretto intraprendere per far fronte alla situazione. 

Riportiamo qui di seguito i commenti di Emanuele Fiano, Carlo Borghetti e Franco Mirabelli.