Print

Confermate e finanziate le missioni internazionali

Written by Ezio Casati.

Ezio CasatiProprio nei giorni seguenti agli attentati di Parigi la Camera ha approvato la conversione in legge del decreto sulle Missioni internazionali italiane e la cooperazione allo sviluppo. Si tratta della conferma delle missioni militari, di pace e di ricostruzione nelle aree più critiche del pianeta, per il periodo dell'ultimo trimestre 2015. Si tratta proprio in questa drammatica fase di crisi, in Medio-Oriente e non solo, di dare il migliore apporto italiano. Le missioni confermate e finanziate sono:
Print

Non esiste libertà senza dignità femminile

Written by Emilia De Biasi.

Emilia De Biasi
Articolo pubblicato da Lettera 43.
C'era anche una donna nel covo di Saint Denis, oggetto il 19 novembre del blitz della polizia francese contro i responsabili degli attentati di Parigi. Lei si chiamava Hasna Aït Boulahcen ed era una shaheeda, una martire del jihad. Pronta a immolarsi, pronta a uccidere. 
Oltre la cronaca è un particolare che induce a riflessioni su certa retorica degli anni passati sulla natura buona delle donne, contrapposta a quella malvagia degli uomini, preposti per natura alla guerra.
Print

Not in my name, manifestazione islamica contro il terrorismo

Written by Rosa Aimoni.

Rosa AimoniHo deciso di scrivere questo articolo per ringraziare personalmente i musulmani d'Italia che hanno partecipato alle manifestazioni contro il terrorismo. Chi non è del tutto a digiuno di nozioni storiche sa che equiparare in toto l'islam al terrorismo non solo è un grave errore valutativo, ma anche una reazione tattica sbagliata, che può solo alimentare le fila del Califfato.
I terroristi non rappresentano la religione islamica, e poco importa se la televisione strumentalizza le reazioni sbagliate da parte alcuni sedicenti appartenenti alla comunità musulmana, i quali, peraltro, non la rappresentano.
Print

Fra mollezza lasciva ed arsura dannata

Written by Roberto Pecoraro.

Roberto PecoraroVorrei, in questo intervento, raccontare una storia di speranza, di coraggio, di generosità, di intraprendenza.
Prima, però, chiedo al lettore di mettersi comodo ad ascoltare, con tutta calma, uno dei passaggi più belli de “Il Gattopardo” di Giuseppe Tomasi di Lampedusa.
Siamo nel novembre del 1860.
Dopo l’impresa dei Mille, il Plebiscito ha ufficialmente decretato l’unione del Sud al regno dei Savoia.
I Salina si trattengono in villeggiatura a Donnafugata, feudo di famiglia.