Print

Milano-Cortina saranno anche Olimpiadi della Bellezza

Written by Dario Franceschini.

Dario Franceschini "Non c'è dubbio che una olimpiade così importante e che copre non un luogo ma un'intera parte di Italia possa consentire di affiancare all'organizzazione delle manifestazioni sportive anche un investimento turistico e culturale su quella parte di territorio. Credo ci sia una grande possibilità e come ministero lavoreremo per fare ciò e avere delle olimpiadi della bellezza". Lo ha dichiarato il ministro dei Beni e delle attività culturali, Dario Franceschini, parlando al question time delle olimpiadi Milano-Cortina 2026. "Ci sono - ha ricordato il ministro - delle storie recenti italiane che mostrano come un investimento su una ricorrenza e su un evento abbia portato un cambiamento e una crescita del territorio. Basta pensare - ha concluso - alle olimpiadi invernali di Torino, a Expo a Milano nel 2015 o a Matera quest'anno".
Print

M5S non può dettare l'agenda del Governo: intesa politica o non si va avanti

Written by Franco Mirabelli.

Franco Mirabelli
Intervista di Affaritaliani.

"Le elezioni regionali sono appunto elezioni regionali. E' chiaro che hanno una grande importanza, prima di tutto perché determinano il governo di quelle Regioni. E' evidente che per noi l'Emilia Romagna riveste un ruolo di particolare importanza e sono convinto che non perderemo. E' chiaro però che una sconfitta aprirebbe una fase di riflessione al nostro interno, anche se questo non vuole dire che il voto del 26 gennaio sia un referendum sul Governo". Lo afferma ad Affaritaliani.it Franco Mirabelli, vice capogruppo del Partito Democratico al Senato.
Voto regionale a parte, dal Pd arriva un messaggio molto importante ai 5 Stelle e a Luigi Di Maio: "Dopo l'approvazione della manovra ci sarà un passaggio decisivo per il futuro del Governo e capiremo se questa alleanza può avere una prospettiva", spiega Mirabelli.
Print

Milano vola e doppia l’Italia

Written by Il Giorno.

Giuseppe Sala
Articolo pubblicato da Il Giorno.

Milano, ormai, va al doppio della velocità dell’Italia. Quasi tutti i dati macro-economici lo dimostrano. Ma il sindaco Giuseppe Sala rifiuta l’immagine di una locomotiva Milano che è scattata in avanti lasciando al proprio destino i vagoni trainati finora, cioè il resto dell’Italia, Sud in primis. Il primo cittadino, ieri mattina all’inaugurazione del nuovo campus dell’Università Bocconi, ha detto chiaro e tondo davanti al presidente della Repubblica Sergio Mattarella che il capoluogo lombardo «rifiuta di immaginarsi come Città-Stato». Un modo per far dimenticare la polemica con il ministro per il Sud Beppe Provenzano, colui che non più tardi di 15 giorni fa ha detto che «Milano attrae ma non restituisce quasi più nulla al Paese».
Print

Il nostro piano "Italia semplice"

Written by Nicola Zingaretti.

Nicola Zingaretti
Articolo pubblicato su Huffington Post.

Alcune settimane fa abbiamo indicato una delle grandi priorità da affrontare subito con coraggio: un piano “Italia semplice”, che disboschi la selva normativa che stritola l’Italia, che acceleri procedure, che accorci e renda certi i tempi per la realizzazione delle opere, sia nell’ambito del privato che in quello pubblico.
Una poderosa azione di semplificazione serve alle imprese, per dare loro slancio e per attrarre investimenti. L’incertezza e la vischiosità delle regole sono infatti uno dei maggiori freni alla crescita del Paese e il principale nemico per chi vuole fare impresa, dal piccolo commerciante alla grande azienda multinazionale.