Stampa

Musei: decisione grave del Consiglio di Stato

Scritto da Dario Franceschini.

Dario Franceschini "Mi domando come ci giudicano all'estero, dopo aver salutato con molto favore la riforma. Ho il timore che, dovesse giungere una decisione negativa su Peter Assmann, questa avrà ripercussioni gravissime in generale". Lo afferma a Repubblica il ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini, commentando la decisione del Consiglio di Stato sulla questione dei direttori stranieri per i musei statali autonomi. "Come si può pensare - si chiede Franceschini - che, quando scadranno i contratti, chi ha diretto così bene i nostri musei chiederà di essere riconfermato? Che lo faccia essendo probabile che qualcuno presenti ricorso invocando il fatto che non è italiano? E lo stesso vale per storici dell'arte e archeologi non italiani, ma con fior di curriculum, che volessero lasciare i loro incarichi per venire a dirigere qui".
"Come avvocato e come politico - aggiunge - sono rispettoso delle sentenze. Ma a oltre tre anni dalla pubblicazione del bando per selezionare i direttori dei musei, dopo sedici pronunciamenti del Tar e sei del Consiglio di Stato, non è possibile che si debba cominciare daccapo".