Stampa

I rischi della democrazia dei click

Scritto da Luigi Zanda.

Luigi Zanda"Dovremmo riflettere di più sulla crisi delle democrazie parlamentari. Trump, Brexit, Erdogan e persino Grillo sono l'effetto di questo fenomeno, ma contemporaneamente possono esserne il moltiplicatore". L'invito è di Luigi Zanda, presidente dei senatori del Pd, intervistato dal Foglio.
"Anche nell'opinione pubblica più avvertita e nelle classi dirigenti occidentali si sta insinuando la sensazione che la democrazia parlamentare non sia in grado di governare né la complessità dei problemi del nostro tempo né la dimensione transnazionale della finanza, dell'immigrazione, del terrorismo, delle nuove tecnologie e della criminalità", osserva.
"A indicare la debolezza del nostro sistema parlamentare sono i cambi di casacca: stiamo raggiungendo quota 600. Un indebolimento aumentato con l'abolizione del finanziamento pubblico ai partiti e con l'abolizione delle indennità di governo ai ministri. Anche l'applicazione retroattiva contenuta nel ddl sui cosiddetti vitalizi, oltre a essere di dubbia costituzionalità, è la dimostrazione della bassa considerazione di cui gode il Parlamento. Credo che il rinforzo del Parlamento sarebbe dovuto passare dall'attuazione dell'articolo 49 della Costituzione sulla regolamentazione della vita dei partiti". "La legge sul finanziamento pubblico ormai è questa - prosegue - e non chiedo di cambiarla, ma se metto a confronto il disordine e le deviazioni attuali con un sistema di finanziamento pubblico limitato e ben controllato è chiaro che preferisco il secondo". Insomma, "non mi sembra che il sistema dei partiti sia migliorato con l'abolizione del finanziamento pubblico". Da un lato "c'è chi vuole difendere, ammodernandola, la democrazia parlamentare. Dall'altro c'è chi la nega e la vuole logorare anche sabotandone i meccanismi giorno per giorno. + chiaro che i capi del M5s appartengono a questa seconda categoria. Ma la famosa democrazia del clic è il contrario della democrazia parlamentare. La chiamano diretta, nel senso che è diretta da qualcuno; da Grillo e dalla Casaleggio Associati".