Stampa

Più spazio per aiutare i giovani

Scritto da Pier Paolo Baretta.

Pier Paolo BarettaSui giovani è arrivato il momento di intervenire. Una ripresa così, che lasciasse indietro una fascia decisiva per il futuro dell'economia sarebbe francamente un modo per deprimerla. L'altra priorità che io vedo è quella delle fasce sociali più disagiate. Dobbiamo rafforzare il reddito di inclusione". Lo dice al Messaggero Pierpaolo Baretta, sottosegretario all'Economia, commentando i dati preliminari sulla crescita diffusi dall'Istat. L'ipotesi per il cuneo fiscale, aggiunge, "è quella di una decontribuzione strutturale per i giovani nei primi due anni. Ma condivido anche l'idea del vice ministro Enrico Morando di una riduzione di alcuni punti anche a partire dal terzo anno, dividendo il beneficio tra impresa e lavoratore".

I dati, spiega, sono la conferma "di una tendenza che ormai da un po' di tempo è costante, possiamo dire che ormai siamo di fronte ad una crescita consolidata frutto del lavoro di questi anni del governo Renzi e di quello Gentiloni". Ad ogni modo, rimarca, "conviene sempre essere prudenti ed aspettare le conferme. Dobbiamo prima vedere il dato di settembre dell'Istat. Però è evidente che questo andamento ci consente di gestire la prossima manovra con maggiori disponibilità. Ma non dobbiamo fare l'errore di allentare l'attenzione sul deficit o pensare che i margini per la manovra siano improvvisamente ampi". "E' bene anche sottolineare che dobbiamo fare i conti con un debito pubblico rilevante. Lo dico per una doverosa prudenza".