Stampa

Insieme verso le europee

Scritto da Patrizia Toia.

Patrizia ToiaManca ormai poco più di una settimana alle elezioni europee, le più importanti da quando l’UE ha visto la luce. Siamo di fronte a un bivio: la scelta tra chi, come noi, crede nell'Europa unita da rinnovare, e chi, invece, vorrebbe smantellarla a colpi di sovranismo e farci tornare indietro di un secolo.
Lo sappiamo bene: se siamo soli siamo più deboli, ed è solo attraverso una vera collaborazione tra gli Stati membri e il rafforzamento della casa comune europea che potremo restare competitivi nei confronti di grandi potenze economiche come Cina, Stati Uniti e Russia. Solo con un’Europa unita, solidale, inclusiva, all'avanguardia e rispettosa dell’ambiente potremo contare nel mondo.
Stampa

No all'inganno dei sovranisti

Scritto da Giorgio Napolitano.

Giorgio NapolitanoI sovranisti e gli anti-europeisti propongono "un'illusione se non un vero e proprio inganno". L'Unione europea è nata "dall'immane disastro della seconda guerra mondiale in reazione ai nazionalismi e alle tendenze reazionarie, fasciste e di destra che l'hanno provocato". Questo "patrimonio" non può essere disperso. Il presidente emerito della Repubblica Giorgio Napolitano, intervistato da Repubblica, spiega così l'importanza delle elezioni europee e dell'Europa che, anche per la sinistra, rappresenta la "sola speranza e la via di una nobiltà della politica". Napolitano mette in guardia sulla "ipocrisia o addirittura mistificazione da parte di chi si dichiara europeista, ma nei fatti e nei comportamenti concreti nega i valori e le politiche comuni dell'Ue".
Stampa

Accoglienza, lavoro e ambiente: le mie priorità per l’Europa

Scritto da Pierfrancesco Majorino.

Piefrancesco Majorino
Intervista di Linkiesta.

«Il 26 maggio è il giorno in cui si misureranno due modelli radicalmente diversi sul futuro dell’Europa: da una parte il nazionalismo chiuso di Salvini che vuole distruggere l’Europa. E dall’altra la proposta del Pd che vuole difenderla e cambiarla». Pierfrancesco Majorino è nel suo studio di Largo Treves, quell’assessorato alle poltiche sociali del Comune di Milano che è stata la sua casa per otto anni. Oggi Majorino è candidato nel nord ovest alle elezioni europee per il Partito Democratico del neo segretario Nicola Zingaretti, di cui è stato un grande sostenitore all’ultimo congresso: «Siamo usciti dall’incubo del 4 marzo: ora siamo in una fase di rilancio e ricostruzione», azzarda, senza scaramanzie.
Stampa

Ora si rischia l’Italexit

Scritto da Paolo Gentiloni.

Paolo Gentiloni
Intervista del Corriere della Sera.

Paolo Gentiloni, la tensione nel governo è altissima e lo spread torna a salire.
«Io trovo che sia un fatto davvero colossale che un vicepremier dica “tireremo dritto sul debito, che sia 130 o 140% del Pil” – afferma l’ex premier e presidente del Pd Come dire 200 miliardi in più o in meno chi se ne frega. Inaudito. Mi dispiace fare la Cassandra, però non siamo mai stati così isolati e a rischio in Europa. Da essere ai margini, come siamo già, a trovarsi fuori, il passo potrebbe non essere così lungo e il bivio per l’Italia potrebbe arrivare già a fine anno».