Stampa

È il momento della responsabilità

Scritto da Nicola Zingaretti.

Nicola Zingaretti
Lettera a Repubblica.

Il Governo dell’incertezza continua a tenere immobilizzato il Paese: non fa nulla, oppure fa danni e pasticci. Come con il decreto sullo sbloccacantieri o nella gestione confusionaria del dossier sulla Cina.
Litigano su tutto. Ora anche su chi debba gestire la sicurezza del Paese, in un’irresponsabile guerriglia quotidiana per la leadership del Governo.
Lo fanno persino nei giorni in cui, con la vicenda agghiacciante del bus sequestrato a Milano, abbiamo visto in faccia i pericoli concreti che corriamo.
Stampa

La nuova rotta del PD

Scritto da Vinicio Peluffo, Franco Mirabelli.

Peluffo Mirabelli“La nuova rotta del PD” è questo il titolo dell’incontro che si è svolto al Circolo PD Rigoldi a Milano con Vinicio Peluffo (Segretario Regionale del PD Lombardia - video) e il senatore Franco Mirabelli (Vicepresidente del gruppo PD al Senato - video - trascrizione dell'intervento).
Il percorso congressuale locale e nazionale del Partito Democratico appena concluso ha portato all'elezione di un nuovo Segretario e nuovi gruppi dirigenti con una numerosa partecipazione alle Primarie. Lo scenario interno al PD è radicalmente mutato, così come il clima politico del Paese, come attestano le numerose manifestazioni di piazza e come indicano i dati dei sondaggi.
Stampa

Il PD deve difendere i diritti

Scritto da Walter Veltroni.

Walter Veltroni
Intervista di Repubblica.

«Ho votato Zingaretti, con convinzione. È stato sconcertante impiegare un anno per avere di nuovo un segretario. Ma ora c’è. E l’unica voce deve essere quella del leader. Quando dice che dobbiamo cambiare tutto, radicalmente, io lo prendo in parola». «Il Pd dice deve saper declinare i suoi valori in questo tempo della storia. Vengono oggi messi in discussione valori fondamentali, sociali, civili e umani. E questo vale, come dissi nel decimo anniversario del PD, anche per lo ius soli».
Diciamo la verità: sullo ius soli il PD temeva di perdere voti.
Stampa

Strappiamo il biotestamento dalle mani della politica

Scritto da Arianna Censi.

Arianna Censi“La legge 219 è un punto di partenza per superare il rischio di rimanere bloccati, e rimanere fermi è sempre una cosa sbagliata.” La tavola rotonda ospitata oggi a palazzo Isimbardi è esattamente questo, per la vicesindaco della Città metropolitana di Milano Arianna Censi, nel corso dell’intervista concessa a Luca Manduca del Centro Studi Berlin89.
Cioè affronta il tema dal punto di vista etico e normativo, dando però voce anche alle ragioni che sono portate da coloro che non sentono di condividere questo atto legislativo.
“Un confrontano tra medici, e tra rappresentanti delle Chiese, compiendo un’operazione di assoluto rispetto delle scelte individuali. Io penso che il testamento biologico sia un tema di civiltà, non è solo e tanto un tema di diritti in senso stretto.