Stampa

Serve una nuova politica industriale

Scritto da Romano Prodi.

Romano ProdiI dati sulla produzione industriale italiana di dicembre sono peggiori rispetto ad ogni aspettativa: la diminuzione è del 3,5% rispetto al mese precedente e del 7,3% rispetto al dicembre del 2017. Poiché i numeri sui nuovi ordini sono ancora più negativi è difficile prevedere che l’anno in corso sia un anno “bellissimo”, come è stato autorevolmente dichiarato pochi giorni fa.
Solo in parte questo peggioramento è dovuto alla congiuntura internazionale: il nostro Paese ha infatti perso in velocità molto più degli altri membri dell’Unione Europea. Una caduta che si è molto accentuata negli ultimi mesi.
Stampa

Scuola: più verde meno costi

Scritto da Arianna Censi.

Arianna Censi
Articolo pubblicato da DeltaEcopolis.

Le nostre scuole, le scuole superiori sul territorio metropolitano, sono dal sempre una delle competenze più importanti della Città metropolitana. Esse sono spesso al centro dei nostri pensieri come genitori e come studenti. La scuola, infatti, copre una parte importante della nostra vita di cittadini sia quando la frequentiamo da studenti, sia quando diventiamo genitori che mandano a scuola i figli. E allora la preoccupazione per le strutture scolastiche diventa centrale. Ebbene, come detto altre volte, la manutenzione delle scuole si è scontrata, nel corso di questi ultimi anni, con i pesanti tagli ai fondi effettuati dal Governo alle risorse della Città metropolitana.
Stampa

I 5 Stelle hanno perso una parte importante della loro identità

Scritto da Franco Mirabelli.

Franco Mirabelli
Intervento a TgCom24 (video).

I 5 Stelle hanno perso una parte importante della loro identità, che era costruita sull’idea per cui nessuno poteva avere trattamenti di favore e nessuno poteva essere sottratto al giudizio della magistratura. Esistono anche reati gravissimi che non necessariamente vengono compiuti per tornaconto personale. L’Articolo 96 della Costituzione dice che un Ministro non è perseguibile se rappresenta una scelta condivisa con il resto del Governo. Ora c’è una memoria fatta da Conte e da altri Ministri in cui si dice che la scelta di Salvini è stata condivisa ma sembra un aggiustamento processuale perché tutti ricorderanno le cronache di quei giorni in cui il dissenso tra Conte, Toninelli e Salvini era evidente.
Stampa

Servizi funerari in Lombardia

Scritto da Carlo Borghetti.

Carlo BorghettiIl Pd ha votato “no” alla legge regionale di riforma dei servizi funerari perché non garantisce a tutti uguale dignità di fronte alla morte.
“Il nostro obiettivo -spiega il vicepresidente del Consiglio Carlo Borghetti- era quello di avere una legge che garantisse a tutti uguale dignità di fronte alla morte, in termini di correlazione tra qualità del servizio e costi ai cittadini. Ma così non è stato. Abbiamo difeso la titolarità del servizio pubblico e il divieto di realizzare cimiteri e cinerari privati al fine di garantire funerali a prezzi sostenibili a tutti, ma purtroppo il testo finale non dà sufficienti garanzie”.